www.medicinenaturali.org\yoga 3^ età - www.medicinenaturali.org

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

www.medicinenaturali.org\yoga 3^ età

Esercizi Fisici > Yoga

YOGA per la 3^ età

La terza età diventa più difficile man mano che la vita dell’uomo si allunga sempre di più. Inoltre ci sono vari fattori che costituiscono l’età di una persona che vanno al di là del numero di anni.Per sempio si può parlare di età :BIOLOGICA (cioè come è invecchiato il suo corpo e i suoi organi vitali) ;PSICOLOGICA (cioè come si adatta al suo ambiente)FUNZIONALE ( cioè come l’individuo riesce a rispondere alle proprie esigenze personali senza chiedere aiuto ad altri).Nel 1900 la vita media era di 48 anni, nel 1990 la vita è di 75 anni, questo fa capire che la citata terza età diventa un’area più ampia della vita di ognuno :Si prevede che negli Stati Uniti nel 2080, più di un milione di centenari, arriveremo così a formare una quarta età.Aspetti BiologiciAlterazione dei vasi sanguigni (arteriosclerosi)= perdita di elasticità e permeabilità delle pareti dei vasi: capillari, arteriole;Alterazioni ormonali = vari fattori, tiroidei, adenoipofisari ecc..;Alterazioni della sostanza organizzata = Come una macchina si consuma col tempo, e porta all’usura anche il corpo deperisce, molto è influenzato dalla perdita dell’acqua;Diminuizioni dell’attività metabolica = Ciò accade per l’insufficiente eliminazione di scorie;Diminuzione di funzioni fondamentali = minor capacità di risposta al freddo, alla pressione atmosferica ecc.Aspetti Sociali \ PsicologiciEmarginazione = nella nostra società si è affermata la convinzione che il valore di una persona sia associato al suo grado di produttività, sull’onda del fatto che il lavoro sarebbe il 1° dovere dell’uomo. Per cui si è portati ad emarginare giovani (perchè dovrebbero solo studiare) e anziani (perchè dovrebbero solo riposare), la reazione che così si ottiene è: da parte dei giovani la contestazione, la violenza, la droga; da parte degli anziani la solitudine, depressione, disperazione. Questi fatti portano a una minor voglia di muoversi, di entrare in relazione con gli altri e quindi alla solitudine

DATI CLINICI (ovvero: cosa accade al corpo nella terza età)


LE CATTIVE NOTIZIE
* Oltre i 30 anni, la capacità cardiovascolare diminuisce dell’ 1% ogni anno;
* A 45 anni c’è una riduzione dei vasi sanguigni del 30% circa ;
* Ogni 10 anni le fibre muscolari si riducono fino al 5% ;
* A 70 anni il corpo brucia il 10% di calorie in meno quando è a riposo ;
* Le articolazioni ossee possono avere il 30% di flessibilità in meno, in generale c’è più fragilità;
* Un Uomo di 70 anni avrà perso in media dal 15 al 20% della sua conformazione ossea, Una Donna ne perderà in media dal 25 al 30% ;
* A 75 anni la capacità polmonare sarà molto diminuita;
* Un Uomo riceve il 50% di ossigeno in meno - una donna il 30% in meno;
* Con l’avanzare dell’età c’è un restringimento dell’altezza anche di 3 cm per l’uomo e di 5cm per la donna ; anche I reni si restringono;
* Se si aggiunge anche carenza di calcio si avrà osteoporosi (il 25% delle donne oltre i 50 anni, soffre di questo disturbo);

DATI CLINICI (ovvero: cosa accade al corpo nella terza età)

LE BUONE NOTIZIE


La senescenza è un processo inevitabile, ma quello che possiamo dire è che può essere molto rapido, oppure graduale,leggero con una velocità controllata, che può essere più lenta a seconda dello stato di salute dell’individuo. Si può addirittura mandare indietro l’orologio biologico.
* Ogni perdita prima menzionata può essere almeno in parte recuperata, soprattutto:> funzionamento cardiaco;> conformazione ossea ;> funzionamento generale degli organi> capacità respiratoria ;
* L’attività fisica, fa si che i muscoli e le ossa si rigenerino e proseguano nella loro rigenerazione fino a 36 ore dopo l’attività fisica svolta, occorre costanza e frequenza per risultati significativi altrimenti dopo 72 ore avremo perso ciò che avevamo guadagnato;
* L’attività fa si che ci sia un miglior apporto di ossigeno in tutto il corpo migliorando così la funzionalità di cuore (rendendoci più immuni da attacchi di fibrillazione \ arresti cardiaci), polmoni e la maggior parte degli organi interni,aiuta per problemi di menopausa e prostati
* Attività fisica riduce l’obesità, è noto ormai il rapporto tra tasso di mortalità e l’obesità;
* L’attività diminuisce il tasso del diabete, così i grassi ematici sono più contenuti; Aiuterà gli ipertesi;
* L’attività aiuta e migliora anche la mente, infatti aumenta il tasso di beta-endorfine che hanno un effetto sul corpo simile all’oppio e la morfina, ed è spesso considerata la droga della felicità,
* L’attività, aiuterà a controllarsi nell’uso di sigarette, alcool, renderà più socievoli, problemi di insonnia ecc... ;SOPRATTUTTO MIGLIORERA’ LA QUALITA’ DELLA VITA.


IL PERCHE’ DELLO YOGA NELLA TERZA ETA’

Il Dott. Paolo Lampugnani, Primario di Geriatria e medicina riabilitativa, ha fatto questo elenco di requisiti che un’attività fisica deve avere per essere rivolta alla terza età:Portare ad una attivazione globale di tutto l’organismo e comprendere un impiego funzioanle e armonioso dei vari organi e apparati ;Evitare esecuzioni violente, impegnative e troppo prolungate;Correlare l’impegno fisico alle condizioni funzionali e strutturali del singolo soggetto;Valutare per ogni esercizio l’intensità, la durata e il ritmo di ripetizione;Tenere presente che esistono rigidità delle strutture articolari ;Considerare la riduzione della forza e del tono muscolare ;Tenere presente l’involuzione dell’apparato respiratorio e circolatorio ;Far parte di un programma di vita attiva che comprende uno sforzo di adattamento globale all’ambiente.

LO YOGA RISPONDE A TUTTI QUESTI REQUISITI, INFATTI IN MOLTI CORSI, LIBRI E MATERIALE SU CORSI PER ANZIANI, GLI ESERCIZI VENGONO RIPORTATI CON NOMI DIVERSI : STRETCHING DOLCI, ESERCIZI ISOMETRICI, ESERCIZI BIOCINETICI . . . MA E’ SEMPRE YOGA. . . Provate per conoscere. DEDICATEVI IL TEMPO PER FREQUENTARE ASSIDUAMENTE E REGOLARMENTE UN CORSO DI YOGA . . . otterrete risultati sorprendenti.


 
Copyright 2016. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu